Goba to mare, goba to pare…

30 Gen

Diciamocelo in tutta franchezza, la ” Legge di Murphy” per noi donne è un pó come la Gazzetta per la maggior parte di voi omuncoli, ergo la Bibbia.

Mentre però, per noi sapienti femmine, l’ applicazione della “legge” famosa porta ad una soglia di consapevolezza estrema per quanto riguarda la gestione pratica della vita,  la seconda conduce al massimo, all’ insaputa della vostra asfittica materia  grigia, alla consapevolezza che sui campi da calcio d’ inverno faccia freddo e quindi che i giocatori in mutande possano concedersi i guantini ( penso che li usino per non congelarsi la “french” che si sono appena fatti fare da una S.p.A. cinese, trascinati dalla wag di turno).

Ma veniamo a bomba.

La legge di Murphy ci insegna che tutta le disgrazie, le sfighe, le sfortune, gli imprevisti non si possano prevedere ma anzi capiterà tutto il contrario del previsto.

Noi, noi donne, che non ci facciamo mai mancare nulla, siamo lì pronte col contenuto della borsa pesante come un container galleggiante al porto di Genova pieno di clandestini cinesi (che poi sono quelli delle unghie), per non farci, appunto, prendere in contropiede da quel perfettino del cazzo di Murphy e dalle sue quattro fregnacce.

Osservino quindi, siori e siori la borsa chiusa, ta-ta!

IMG_20140129_092751

Osservino ora, siori e siori la borsa aperta.(e per vostra fortuna avevo la borsa piccola)

IMG_20140129_093133

Acqua per gli assettati
Pocket coffee per gli coffee-addicted
Tampax per i mestruati
Chiavi per gli “inchiavati (o inchiavabili)

e poi ancora polline che se serve un po’ di energia, the verde in foglie che se per caso un bar non ce l’ha lo tiri fuori te, il libretto rosso dei racconti, I-pod senza cuffie per i non udenti (I suppose), vanity fair sgualcito, fazzoletti usati, persino una radice di chissà che cosa, monete sparse, cicche per l’eventuale fiatella, miso soup in polvere idem come il te, l’Oscillococcinum se viene il raffreddore, penne esaurite ma che possono essere buone ancora per qualcosa, dentrifricio e filo interdentale mai usati, comunicazioni della scuola dei miei figli scadute, tic-tac sparse e impolverate, e altro ancora.

Confesso, caro il mio vecchio Murphy, che mi son fatta venire una gobba così portando in giro tutto ‘sto peso per aggirare la tua mala sorte e ammetto, mio malgrado e mi taglierei la lingua pur di non dirlo, che invece hai vinto tu e che tutto ciò non mi è servito mai ad un cazzo, sob.

Goba to mare,
goba to pare,
goba la figlia della sorella…

Annunci

7 Risposte to “Goba to mare, goba to pare…”

  1. ilwalterx gennaio 30, 2014 a 1:37 pm #

    Che ridere 🙂

  2. rebowsky gennaio 30, 2014 a 1:43 pm #

    l’hai comprata per caso al ‘Mary Poppin’s Store‘?! 😮

    Manco la dotazione di emergenza dei manines è così accessoriata!

  3. Gine di Girati gennaio 30, 2014 a 1:54 pm #

    L’altro giorno avevo anche dentro un kit del pronto soccorso, delle bustine di zucchero per qualche diabetico, la famosa graffetta di Mc Giver per aprire una serratura arruginita non si sa mai, e tante begli altri ammenicoli. Non mi sarebbe bastato nemmeno un fish-eye. La prox volta faccio un video del contenuto in time-lapse con la Go-Pro.

  4. Pablo febbraio 4, 2014 a 3:33 pm #

    Carina la borsa, il tavolo da riunione parecchio meno. Comunque le borse sono come qualsiasi piano orizzontale in una casa. All’inizio sono vuoti, poi si sistemano i libri ordinatamente, poi si aggiunge qualche foto incorniciata, poi qualche oggetto ricordo e alla fine ci si appoggia qualsiasi cosa tanto da rinunciare anche a spolverare per non dover spostare una montagna di roba e soprattutto non trovi mai ciò che avevi deciso di mettere lì, proprio lì per ritrovarlo subito.
    Pablo

  5. zonerrogene febbraio 5, 2014 a 12:37 pm #

    E poi le mie amiche, quando mi dicono di prendere qualcosa nelle loro borse, non mi credono se dico che ho paura 🙂

    Alex
    p.s.
    A ‘sto punto sono obbligato a seguire il tuo blog 🙂

    • Gine di Girati febbraio 5, 2014 a 10:22 pm #

      La borsa delle donne é come la Bocca della Verità, la mano entra ma non sai se ti verrá mai restituita, ocio!!

  6. fiorella febbraio 6, 2014 a 1:47 pm #

    ahaha, io andavo in giro con le bustine per la diarrea, le cuffie e il caricatore dell’Ipod ma senza Ipod, tessere scadute, bottoni, chiavi della macchina e del box anche se giro solo sui mezzi…
    http://www.latartaruga-fio.com/2011/10/o-la-borsa-o-la-vita/
    ovviamente l’ordine è durato al massimo tre giorni.

    Ah, Vanity sgualcito rigorosamente sotto braccio…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Il Prof Bicromatico

Pensieri sfusi di una mente confusa

blog porno-ridicolo

Romanzo di formazione di una Principessa sul Pisello

I 7 Passi Della Piccola Anima

per la sua felicità

nazzablog

Non prendete la vita troppo sul serio comunque vada non ne uscirete vivi

fai cose buone

L'idea della perfezione toglie il piacere della comunicazione

francesco iacovetti blog

VIVIAMO IL MONDO DI SUZIE WONG O SIAMO SCHIAVI DELLA BORSA DI HONG KONG?

LaChimicaDelleLettere

Reazioni a catenella

katniss2016

C'è un solo tipo di successo: quello di fare della propria vita ciò che si desidera. (Henry David Thoreau)

Il Suono Visibile

perché, ogni tanto, è bello ricordarti chi sei...

Borntobeanomad

The world is your home.

Aleteia.org - Italiano

Una rete cattolica mondiale per condividere risorse sulla fede con quanti cercano la verità

Dan Ceres's Words

Musicista. Autore. Scrittore. Fashion Consultant.

CATHERINE RYAN HOWARD

She turns coffee into books so she can afford to buy more coffee. And more books.

the literate lens

photography, writing and the spaces between

Punch Drunk Village

A blog for the rest of us

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: