il punto

27 Set

Ci sono delle volte che con i figli perdo il punto.
Si, si il punto, non la pazienza, quella la perdo tutti i giorni e di quella sono un’abituée.

Il punto, é il punto di vista come madre.

Troppe volte, specie il grande, lo guardo come studente, come judoka, come “non picchiare tuo fratello”, come ” dai muoviti, presto che é tardi, hai finito?, mi raccomando”, ma il nostro rapporto dov’è andato a finire veramente?

Sono così travolta e stravolta da stimoli interni ed esterni alla famiglia che delle volte mi viene molto più facile parlare, o come direbbe il consorte “comandare”, che ascoltare.

Ascoltare i bisogni, le necessitá, gli occhi a forma di cuoricini dei miei figli, guardare i disegni, fare le facce, perché c’é questo stramaledetto tempo che corre e io, al contrario di “qualcun’altro”, non sono ancora una e trina.

Il “multitasking” , diciamocelo, é una vera e propria presa per il culo; noi vogliamo raggiungere livelli di perfezione propri solo ad un orologio svizzero, tutto pulito e luccicante, lavoro consegnato puntuale come un pacco di Amazon, figli perfetti come il Piccolo Lord Fonteleroy e invece ci ritroviamo puntualmente con in mano un pugno di mosche.

Il fatto é che io, come forse tante, vorrei arrendermi all’evidenza senza per questo voler dire aver fallito.

Ho voglia di cambiare, di non distillare più i sentimenti e di riguardare i miei figli come quando erano appena nati che ci si parlava solo tramite lo sguardo, per dir loro le cose che in tutto questo tempo mi sono dimenticata loro di dire.

IMG_0837.JPG

Annunci

4 Risposte to “il punto”

  1. momfrancesca settembre 27, 2014 a 2:42 pm #

    Spesso il tempo sfugge e nemmeno ce ne siamo resi conto. Serve un momento di riepilogo, ogni tanto. Lo faccio anche io perché talvolta mi accorgo che passo le giornate all’insegna delle “solite cose”, non vado oltre le domande classiche.

  2. intorno settembre 28, 2014 a 9:22 am #

    Penso ai tuoi stimoli interni e sono certo che presto sfiderai i tuoi figli a gare di rutti e puzzette.

  3. Causio dicembre 27, 2014 a 5:06 pm #

    Toccante…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Il Prof Bicromatico

Pensieri sfusi di una mente confusa

blog porno-ridicolo

Romanzo di formazione di una Principessa sul Pisello

I 7 Passi Della Piccola Anima

per la sua felicità

nazzablog

Non prendete la vita troppo sul serio comunque vada non ne uscirete vivi

fai cose buone

L'idea della perfezione toglie il piacere della comunicazione

francesco iacovetti blog

VIVIAMO IL MONDO DI SUZIE WONG O SIAMO SCHIAVI DELLA BORSA DI HONG KONG?

LaChimicaDelleLettere

Reazioni a catenella

katniss2016

C'è un solo tipo di successo: quello di fare della propria vita ciò che si desidera. (Henry David Thoreau)

Il Suono Visibile

perché, ogni tanto, è bello ricordarti chi sei...

Borntobeanomad

The world is your home.

Aleteia.org - Italiano

Una rete cattolica mondiale per condividere risorse sulla fede con quanti cercano la verità

Dan Ceres's Words

Musicista. Autore. Scrittore. Fashion Consultant.

CATHERINE RYAN HOWARD

She turns coffee into books so she can afford to buy more coffee. And more books.

the literate lens

photography, writing and the spaces between

Punch Drunk Village

A blog for the rest of us

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: