Secondo giorno al mare

15 Ago

Che poi ti svegli alla stessa ora del #pilatesallesei e ti chiedi il perchè!

Perchè, anche in vacanza, io mi debba svegliare alla stessa ora dell’anziano medio che, pur avendo tutta la mattinata a disposizione, debba recarsi alle 7 del mattino a fare gli esami del sangue e rompere i coglioni a tutti quelli seduti di fianco a lui, per me resta un mistero.

La mattina, dopo aver speso un capitale per due secchielli e company, perchè mi mancava solo di portarmeli in treno e poi mi portavano alla neuro, finalmente spiaggia.

Finalmente spiaggia si.

Non si sono dati neanche tante botte, quindi insomma, positivo.

Brezza, sole, ombra, brezza, sole, ombra ombra, sole tropicale, pranzo.

Pranzo basic, rimpiangendo il mio vecchio hotel, facendomi scendere una lacrima ad ogni boccone, mentre la mia amica, nel paesino di fianco mi mandava le foto del buffet del suo hotel, da ribaltare il tavolo del nostro.

Al nostro ritorno in spiaggia nel pomeriggio piú ombra e frescura che sole, ma io da donna, se non faccio caso ai freni che stridono mentre vado in giro col freno a mano tirato, volete che mi accorga di questa inezia?

Poi vedi strani movimenti intorno a noi di gente che scappa frettolosamente mentre noi sulla spiaggia stavamo finendo dei castelli.

Ad un certo punto buio.

Buio tipo l’astronave dei Visitors quando si piazza sulle cittá, mi giro piú per curiosità che per altro e…

“Scappiamo ragazzi che qui arriva il nubifragio”.

Lampi che sembravano da manuale tutti intorno a noi, fortunatamente l’Hotel era a due passi.

La serata, con anche qui il famoso ” buffet di Ferragosto” si prospetta peggio delle aspettative quando non solo i vicini commensali vogliono farsi un selfie con un enorme dentice da cuocere per tutti ma in fila per la foto ci si mettono pure i miei figli.

Spero almeno non diventino da grandi quelli che si accalcano alle Fiere per un inutile gadget che butti via dopo un secondo.

(Posso dire qualcosa anche sulla piadina bruciata con la spalla di prosciutto che ci hanno servito o passo?)
image

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Il Prof Bicromatico

Pensieri sfusi di una mente confusa

PornoRidicolo di Agata Grop

Il blog di Agata Grop, romanzo di formazione di una principessa sul pisello

I 7 Passi Della Piccola Anima

per la sua felicità

nazzablog

Non prendete la vita troppo sul serio comunque vada non ne uscirete vivi

fai cose buone

L'idea della perfezione toglie il piacere della comunicazione

francesco iacovetti blog

VIVIAMO IL MONDO DI SUZIE WONG O SIAMO SCHIAVI DELLA BORSA DI HONG KONG?

LaChimicaDelleLettere

Reazioni a catenella

katniss2016

C'è un solo tipo di successo: quello di fare della propria vita ciò che si desidera. (Henry David Thoreau)

Il Suono Visibile

perché, ogni tanto, è bello ricordarti chi sei...

Borntobeanomad

The world is your home.

Aleteia.org - Italiano

Una rete cattolica mondiale per condividere risorse sulla fede con quanti cercano la verità

Dan Ceres's Words

Musicista. Autore. Scrittore. Fashion Consultant.

CATHERINE RYAN HOWARD

She turns coffee into books so she can afford to buy more coffee. And more books.

the literate lens

photography, writing and the spaces between

Punch Drunk Village

A blog for the rest of us

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: