Sesto giorno al mare

19 Ago

“Spisa al cul, tempo mul”, pare dicano i veneti, e infatti stamattina, pur arrivando una vivida luce dalla serranda, mi sentivo, come dire, “infastidita” lá dove non batte il sole.

Bella la serranda cosí, ispirava mare, sole, giochi in spiaggia, vento tra i capelli e gelato al volo.

No, non volevo tirarla su nonostante sapessi che le previsioni fossero tutto il contrario di quello per cui io ambivo: una perfetta giornata di sole.

E invece, gnec gneeec gneeeec, quel rumore stridulo da porta di film dell’orrore che non proveniva altro che dalla mia tapparella databile alla nascita del popolo piceno, mi confermava ( sigh e sob) le maledette previsioni.

E mo che faccio?

Erano le 7.20, penso quindi di riposarmi ancora un attimo tanto la colazione la servono, bada ben bada ben bada ben, fino alle 9.30.

Quell’attimo è durato quasi due ore, i piccoli si stavano svegliando in quel momento ed era inutile scapicollarci giú dalle scale per poi farci fare fretta dai camerieri.

Arriviamo alle 9.42 ( ben 12 minuti dopo l’ora X) alla reception a consegnare la chiave.

Faccio una battuta con la padrona dicendo che saremmo andati al bar a far colazione per i 12 minuti di ritardo aspettandomi un “ma si figuri, entrate pure” e invece un “bene” detto in modo glaciale ha troncato di netto la conversazione come la ghigliottina sulla testa di Maria Antonietta.

Quale miglior scusa per sfondarsi di bomboloni alla crema con i figli, fingendo disperazione per la mancata colazione in hotel?

E ora, di nuovo, che facciamo?

Spiove, passeggiata, mentre i due, come oramai è loro abitudine si insultano, si picchiano, si pizzicano.

Mi siedo su una panchina asciutta mentre i due giocano a dama, guardo il cielo plumbeo, mi collego al sito dell’acquario per andarci al pomeriggio, guardo il cielo plumbeo, compilo il form dell’acquisto on line, guardo il cielo plumbeo, 49 euro di costo porca troia, guardo il cielo ancora piú plumbeo, sto per schiacciare il bottone “acquista” quando un infinitesimale raggio di sole mi colpisce un occhio.

Se aveste letto “la profezia di Celestino” sapreste che una coincidenza non è mai una coincidenza ma un segnale ben preciso, ergo:
Fanculo l’acquario
Fanculo i 49 euro
Mi rimetto i soldi virtuali in tasca
E
Tutti al mare tutti al mare…

Che quando piove, diciamocelo sempre e comunque è sempre una gran rottura di coglioni!

image

Annunci

3 Risposte to “Sesto giorno al mare”

  1. micheleciotti agosto 20, 2015 a 5:48 am #

    L’ha ribloggato su micheleciotti.

  2. Francesca agosto 20, 2015 a 6:47 pm #

    Emmenomale che è uscito il raggino di sole 👍
    Oh, la tizia dell’hotel ha fatto suo l’uso della cordialità e dell’accoglienza. 😂😂

    • Gine di Girati agosto 21, 2015 a 9:14 am #

      La tizia è una rigida inglese con la stessa freddezza della regina Elisabetta davanti alla morte di Diana

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Il Prof Bicromatico

Pensieri sfusi di una mente confusa

PornoRidicolo di Agata Grop

Il blog di Agata Grop, romanzo di formazione di una principessa sul pisello

I 7 Passi Della Piccola Anima

per la sua felicità

nazzablog

Non prendete la vita troppo sul serio comunque vada non ne uscirete vivi

fai cose buone

L'idea della perfezione toglie il piacere della comunicazione

francesco iacovetti blog

VIVIAMO IL MONDO DI SUZIE WONG O SIAMO SCHIAVI DELLA BORSA DI HONG KONG?

LaChimicaDelleLettere

Reazioni a catenella

katniss2016

C'è un solo tipo di successo: quello di fare della propria vita ciò che si desidera. (Henry David Thoreau)

Il Suono Visibile

perché, ogni tanto, è bello ricordarti chi sei...

Borntobeanomad

The world is your home.

Aleteia.org - Italiano

Una rete cattolica mondiale per condividere risorse sulla fede con quanti cercano la verità

Dan Ceres's Words

Musicista. Autore. Scrittore. Fashion Consultant.

CATHERINE RYAN HOWARD

She turns coffee into books so she can afford to buy more coffee. And more books.

the literate lens

photography, writing and the spaces between

Punch Drunk Village

A blog for the rest of us

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: