Quello che le donne dicono

16 Ago

E così settimana scorsa siamo andati all’Ikea che ci servivano delle cose.

“Servivano”all’Ikea non può che essere un eufemismo, le cose che servono veramente saranno per eccesso un 15%, il resto è fuffa.

L’uomo medio, diciamocelo, non comprerebbe un cazzo, rimarrebbe con l’armadio dell’anteguerra (e per guerra intendiamo la punica) dotato di manico di scopa della nonna al posto del bastone appendi abiti, va bene così, finché tiene che problema c’è.

Mentre la donna, ahhh la donna che spettacolo all’Ikea.

La donna, inebriata dalle forme e dai colori, laureatasi cum laude in design d’interni sfogliando semplicemente il catalogo nel tragitto di andata, si tramuta prima in esperta massima  dei volumi e degli spazi poi, se questo primo approccio col partner di turno non funziona, si trasforma in serpe ammaliatrice con occhi languidi e labbra tumide che si avvicina strisciante al malcapitato di turno sussurrandogli alle orecchie parole che non si possono ripetere e, nello stesso tempo, cingendolo come un boa constrictor.

Se anche questa tecnica non funziona si trasforma in mulo, piantando i piedi finchè almeno un acquisto non viene portato a casa.

Non importa chi paghi il prodotto, importa portare a casa la preda, come se fosse il leone dal Safari.

(Mentre le coppie anziane litigano per un cuscino, le giovani, che un attimo prima si vantavano a gran voce che loro non cenano mai prima delle 22 perchè si sentono spagnoli dentro, sono i primi alle 11.45 a mettersi in fila al self service, ma solo perchè soffrono di ipoglicemia, sia ben chiaro).

Annunci

4 Risposte to “Quello che le donne dicono”

  1. intorno agosto 16, 2016 a 4:13 pm #

    a me piace andare all’Ikea! e quando gli spagnoli cenano io faccio merenda :p

    • Gine di Girati agosto 16, 2016 a 4:17 pm #

      Io ceno all’ora della tua colazione, per dire.

      • intorno agosto 16, 2016 a 4:28 pm #

        da brava lombarda ceni alle sei del pomeriggio, non barare

      • Gine di Girati agosto 16, 2016 a 4:40 pm #

        Ma per chi mi hai preso? Vado a cena fra ben 9 minuti!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Il Prof Bicromatico

Pensieri sfusi di una mente confusa

PornoRidicolo di Agata Grop

Il blog di Agata Grop, romanzo di formazione di una principessa sul pisello

I 7 Passi Della Piccola Anima

per la sua felicità

nazzablog

Non prendete la vita troppo sul serio comunque vada non ne uscirete vivi

fai cose buone

L'idea della perfezione toglie il piacere della comunicazione

francesco iacovetti blog

VIVIAMO IL MONDO DI SUZIE WONG O SIAMO SCHIAVI DELLA BORSA DI HONG KONG?

LaChimicaDelleLettere

Reazioni a catenella

katniss2016

C'è un solo tipo di successo: quello di fare della propria vita ciò che si desidera. (Henry David Thoreau)

Il Suono Visibile

perché, ogni tanto, è bello ricordarti chi sei...

Borntobeanomad

The world is your home.

Aleteia.org - Italiano

Una rete cattolica mondiale per condividere risorse sulla fede con quanti cercano la verità

Dan Ceres's Words

Musicista. Autore. Scrittore. Fashion Consultant.

CATHERINE RYAN HOWARD

She turns coffee into books so she can afford to buy more coffee. And more books.

the literate lens

photography, writing and the spaces between

Punch Drunk Village

A blog for the rest of us

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: