Secondo giorno al mare – la delusione

18 Ago

Perchè il milanese in vacanza non riesce a riposarsi mai:

guarda l’orologio ma poi richiede l’ora al vicino per la prova del nove;

cammina talmente veloce che riesce a doppiare Bolt, non si capisce dove voglia arrivare ma lui va quasi come se fosse Forrest Gump;

si guarda intorno assumendo la posizione da cane da ferma scrutando l’orizzonte per vedere se conosce qualcuno, sai la figura se viene trovato in atteggiamento poco consono?

Beh, noi per una volta ci siam voluti così tanto rilassare che siamo andati al molo convinti che in ogni momento partisse un mezzo “per andare dove dobbiamo andare”.

C’è andata talmente di culo che il traghetto che sarebbe dovuto partire tre minuti prima era lì che aspettatava noi e altri rincoglioniti come noi che pensavano che i traghetti partissero in ogni momento, prossimo traghetto fra quattro ore tanto per far vedere chi comanda.

Sole, mare, gabbiani, spiaggia, palette, uhm uhm cibo, cibo, ma soprattutto cibo.

È dal giorno dell’arrivo in terra partenopea che lo sciauro di pesce cucinato aveva monopolizzato il nostro olfatto uscendo da ogni pertugio, ogni finestra, ogni portone, persino da ogni tombino.

Pesce, il miraggio

Pesce, la meta

Pesce, il traguardo.

Vedrai, vedrai la sera in albergo, vedrai che piatti che ci serviranno, non avere fretta, farcisciti di pizza e stai tranquilla che stasera ci rifaremo.

Ma io…

Ma tu niente, pazienta cara, abbi fiducia in me.

Eccoci, nel salone ristorante, non importa che non abbia vista, non importa che gli asciugamani in bagno sia duri come tettoie ondulate, che ci sia un mini armadio per mettere via tutto o che l’erogatore della doccia spruzzi dappertutto e per evitare di bagnare tutto il pavimento ti aggrappi alla tenda e rischi di tirare giù tutto, non importa, tutto questo è irrilevante, datemi del pesce e nessuno si fará del male.

Stasera menù di terra signori, non è che si può sempre servire pesce se no i nostri mari che fine faranno di questo passo?

E di nuovo la posizione di Platoon prende il sopravvento.

Annunci

3 Risposte to “Secondo giorno al mare – la delusione”

  1. katniss2016 ottobre 29, 2016 a 10:56 am #

    A noi in Sicilia in albergo una melanzana non l abbiamo vista neanche per sbaglio… Pesce? What’s? 😊

    • Gine di Girati ottobre 29, 2016 a 11:51 am #

      Ma perchè non ce ne siamo state a casa? 😂😂

      • katniss2016 ottobre 29, 2016 a 7:13 pm #

        È stata una vacanza magnifica ma abbiamo mangiato di m… Però il positivo è che non ho messo su nemmeno un etto 😂😂😂😂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Il Prof Bicromatico

Pensieri sfusi di una mente confusa

PornoRidicolo di Agata Grop

Il blog di Agata Grop, romanzo di formazione di una principessa sul pisello

I 7 Passi Della Piccola Anima

per la sua felicità

nazzablog

Non prendete la vita troppo sul serio comunque vada non ne uscirete vivi

fai cose buone

L'idea della perfezione toglie il piacere della comunicazione

francesco iacovetti blog

VIVIAMO IL MONDO DI SUZIE WONG O SIAMO SCHIAVI DELLA BORSA DI HONG KONG?

LaChimicaDelleLettere

Reazioni a catenella

katniss2016

C'è un solo tipo di successo: quello di fare della propria vita ciò che si desidera. (Henry David Thoreau)

Il Suono Visibile

perché, ogni tanto, è bello ricordarti chi sei...

Borntobeanomad

The world is your home.

Aleteia.org - Italiano

Una rete cattolica mondiale per condividere risorse sulla fede con quanti cercano la verità

Dan Ceres's Words

Musicista. Autore. Scrittore. Fashion Consultant.

CATHERINE RYAN HOWARD

She turns coffee into books so she can afford to buy more coffee. And more books.

the literate lens

photography, writing and the spaces between

Punch Drunk Village

A blog for the rest of us

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: